Eventi

Clear si presenta su Repubblica

Clear, gli esperti del percorso nascita - Articolo completo

27 Aprile 2017: HomeMam e Homebaby presentati su Repubblica

Il progetto è stato ideato da Giovanni Papa, amministratore delegato della realtà di viale Bruno Buozzi 109

Una piattaforma informatica, nata dalla collaborazione con équipe mediche di importanti strutture sanitarie nazionali, che permette il monitoraggio a distanza dei dati clinici di laboratorio e strumentali della gestante. Il tutto avvalendosi di schede standard realizzate in conformità con i protocolli attualmente adottati dal ministero della Sanità e assicurando così appropriatezza degli interventi assistenziali e omogeneità delle procedure/prassi della rete consultoriale e dei dipartimenti ospedalieri. Si potrebbe riassumere con queste parole il software ideato e realizzato da Clear s.r.l, la realtà di viale Bruno Buozzi 109 guidata dall’amministratore delegato Giovanni Papa e nata dalla consapevolezza dell’assenza di uno strumento in grado di seguire da vicino il percorso di ogni gestante...Articolo completo

Clear si candida per FORUM PA 2017: 10X10

Forum PA - www.forumpa.it

100 progetti per cambiare la PA

Il Premio FORUM PA 2017 intende raccogliere progetti che possano dare risposte concrete a crescenti bisogni in 10 ambiti della digitalizzazione della PA. Nella convinzione che la costante ricerca di innovazione delle Amministrazioni centrali e locali e delle imprese produttrici di beni e servizi è la strada irrinunciabile per migliorare l’erogazione dei servizi a cittadini e imprese, assicurare benessere e sviluppo alle comunità.

Clear vincitrice del premio S@lute2016

Il forum dell’innovazione per la salute - www.innovazioneperlasalute.it

Milano, 11 novembre 2016 – Si è concluso, con la cerimonia di premiazione, il contest Premio Innovazione S@lute 2016, che ha visto competere amministrazioni pubbliche, aziende, enti locali e regionali e start up. Una giuria composta da importanti esponenti del mondo della ricerca e dell’università ha premiato 19 tra i 102 progetti in gara.

La Clear è stata premiata nell'ambito dell'integrazione socio-sanitaria (lista dei progetti vincitori).

Clear si candida per S@lute2016

Il forum dell’innovazione per la salute - www.innovazioneperlasalute.it

Milano, Palazzo Lombardia 10/12 novembre: HomeMam e Homebaby in concorso!
Il forum dell’innovazione per la salute, primo grande evento dedicato alla Sanità del futuro e alla trasformazione, in chiave innovativa, del sistema della salute. Una tre giorni di eventi e dibattiti che vedrà le differenti professionalità del mondo della salute, gli innovatori del sistema e il grande pubblico interrogarsi e approfondire il tema dell’innovazione in Sanità, andando oltre la digitalizzazione del sistema. Innovazione di processo e di prodotto, governo dell’informazione e del dato, ridisegno del modello di continuità assistenziale, per evitare gli sprechi e per investire di più e meglio nella qualità della prevenzione, dell’assistenza e della cura.
In questo contesto si candida Clear con i suoi prodotti: HomeMam e Homebaby.

Lancio del premio Agenda Digitale 2016: Clear è presente!

L’Osservatorio Agenda Digitale del Politecnico di Milano, ha lanciato la seconda edizione del premio - www.agendadigitale.eu

Clear sceglie di partecipare ad Agenda Digitale 2016 con HomeMam, confidando nelle caratteristiche di innovazione che rispondono agli obiettivi e ai criteri di valutazione del premio.
L’iniziativa, giunta alla seconda edizione (12 Luglio 2016 - 30 Settembre 2016), ha i seguenti obiettivi:

  • sostenere la cultura dell’innovazione digitale nel nostro Paese
  • generare un meccanismo virtuoso di condivisione delle migliori esperienze di digitalizzazione
  • premiare e dare visibilità alle aziende e alle PA italiane più innovative
  • contribuire ai processi di ricerca dell’Osservatorio

L’Osservatorio sta definendo una commissione valutatrice di esperti che decreterà i 3 casi vincitori (uno per ogni categoria) sulla base dei seguenti criteri di valutazione:
  • Diffusione della soluzione: estensione dell’area servita e numero di cittadini coinvolti
  • Impatto della soluzione: impatto sui processi, le professionalità, le relazioni all’interno della PA di riferimento o impatto sociale in caso di servizi e/o piattaforme di pubblica utilità realizzati da privati
  • Rilevanza e replicabilità della soluzione: rilevanza rispetto alle priorità dell’AD italiana e potenziale riutilizzabilità dell’esperienza in contesti diversi da quello in cui è stata realizzata
  • Governance del progetto: utilizzo di adeguate politiche di change management, piani di formazione, coinvolgimento, tavoli di lavoro, ecc
  • Innovatività tecnologica: applicazione di tecnologie allo stato dell’arte, novità tecnologica dell’applicazione
  • Misurazione benefici: stime sui benefici apportati dalla soluzione presentata
  • Modalità di realizzazione del progetto: eventuale realizzazione del progetto mediante fondi europei (es. Horizon, FESR, ecc.), partnership pubblico-private o strumenti di procurement innovativi.

I casi vincitori saranno premiati in occasione del Convegno di presentazione dei risultati della Ricerca dell’Osservatorio, che si terrà a metà novembre a Roma, garantendo alta visibilità su media e a livello istituzionale.

Clear partecipa a TeleMediCare 2016

Monitoring and rehabilitation of elderly and disability people

Nei giorni 2, 3 e 4 ottobre 2016 presso l'Aula Magna dell'Ospedale di Desio (Milano), si è tenuta la conferenza TeleMediCare 2016 che ci ha visto partecipi nella sezione dedicata ai sistemi di telemedicina, telesalute e telemonitoraggio. Per Clear ha tenuto la parola l'amministratore delegato Giovanni Papa che ha cominciato col presentare l'azienda, descrivendone il posizionamento nel mercato dell'informatica medica. La seconda parte dell'intervento è stata dedicata ad illustrare la piattaforma HomeMam come importante opportunità nel panorama della digitalizzazione offerta a tutte le strutture sanitarie.

Telemedicina, poco diffusa tra Mmg ma con Aft potrebbero gestire diagnostica Hi tech

Articolo di Mauro Miserendino da www.doctor33.it

«La telemedicina tra i medici di famiglia è poco diffusa, ma l'aggregazione in Aft e Uccp dotate di device di complessità media dovrebbe favorirne un boom nella gestione delle cronicità. Parliamo di spirometri, elettrocardiografi, retinografi non midriatici: tutte tecnologie da diffondere nello studio del Mmg, veicolate dall'informatica, con vantaggi per i cittadini, in primis economici e di attesa rispetto ad oggi. Certo, il medico di famiglia dovrà fare rete con i centri specialistici e con i servizi sociosanitari dei comuni».
Francesco Sicurello, docente di informatica a Bicocca, presidente Istituto internazionale telemedicina Itim e dell'associazione italiana Aitim, commenta i dati dell'Osservatorio del Politecnico di Milano secondo cui, malgrado quasi il 70% dei mmg voglia partecipare a programmi di telemedicina, solo il 4% ne è coinvolto: uno su 25. «Bisogna intanto capire che s'intenda per telemedicina. In senso specifico, si parla di teletrasmissione di referti radiologici e di imaging da un piccolo ospedale o ambulatorio a un centro specializzato "hub". Poi c'è anche la teleassistenza o telecare, il monitoraggio di parametri vitali, pressione arteriosa, glicemia, o anche Ecg e spirometrie, essenziali nel gestire cronicità coincidenti con quelle oggi assistite in Lombardia nei chronic related groups. In queste materie non si può prescindere dal medico di famiglia sia nella fase sperimentale sia nel quotidiano. Però va coinvolto e deve trovare tempo, e si tratta di un problema non da poco, con le sale d'attesa piene».
Paolo Misericordia, esperto di temi informatici per i Mmg, è convinto che la telemedicina possa decollare sul territorio se ci sono un investimento iniziale e strutture informatiche semplici da implementare. «Il medico ha qualche perplessità nello sperimentare soluzioni informatiche, teme che per lui possano rappresentare più un onere che un vantaggio, com'è in parte avvenuto fin qui. Spesso non vediamo chiare modalità di applicazione e di crescita dei progetti, specie nelle iniziative locali. I primi a non sapere come queste cose funzionino in termini di rimborso e sostenibilità sono i direttori generali delle aziende», dice Misericordia, che è anche responsabile del centro studi Fimmg. Ed è convinto che la telemedicina possa avere un ruolo chiave anche nella gestione delle visite in studio, «attraverso l'uso di device che ci consegnano in tempo reale i referti di Ecg ed altri esami basilari per le scelte che faremo successivamente sul paziente, ad esempio orientandolo su un esame di secondo livello o risolvendo con un nostro intervento. Noi dovremmo inserire quei dati nella cartella clinica ed avviare l'eventuale accertamento, sarebbe un valore aggiunto molto alto per il sistema. Oggi però il dato non è al servizio del medico ma è gestito dal centro servizi di riferimento, e noi siamo a valle con tutte le conseguenze negative, anche il fatto di dover rielaborare i formati con cui le informazioni cliniche ci vengono consegnate».
Sicurello, che il 3- 4 ottobre all'ospedale di Desio organizza un convegno su telemedicina e cure primarie nelle cronicità (Telemedicare), vede più la centralità della rete: «Non in tutte le situazioni di telecare il medico di famiglia è il centro del sistema d'assistenza; di tutte però deve sapere. Credo che la gestione del servizio da parte del clinico possa sostituire una gestione più impersonale, a patto di costruire una rete tra medico di famiglia, centro specialistico - spesso più rapido nel programmare esami di secondo livello per pazienti complicati - e servizi sociosanitari del comune. Il valore aggiunto di questa rete sarebbe esplosivo».

La presenza di Clear al Congresso Nazionale SIT 2015

Congresso nazionale di Telemedicina e Sanità Elettronica

In occasione del 5° Congresso Nazionale di Telemedicina e Sanità Elettronica è stoto presentato il lavoro che Clear ha svolto presso l'ASL di Viterbo in collaborazione con l'équipe del Dott. Palumbo, il quale è intervenuto definendo la piattafora HomeBaby un valido strumento per il follow up del neonato prematuro dopo la dimissione dal reparto di terapia intensiva neonatale.

Contatti

  • Indirizzo: Viale Bruno Buozzi, 109
    Roma 00197
  • Email: info@clearsrl.it
  • Tel: 06 71510749